Creazione Video

7 video per prodotti ecommerce da cui c’è molto da imparare

video per prodotti

Le tecnologie ecommerce stanno cambiando in maniera radicale il modo in cui gli utenti si approcciano all’acquisto di prodotti di qualunque tipo.

Pensaci.

Una volta entravi in un negozio e potevi vedere e toccare con mano ciò che stavi per acquistare.

Era più semplice fare un scelta consapevole; potevi interagire a quattrocchi con il negoziante e farti consigliare in base alle tue necessità.

Ora invece c’è sempre uno schermo che ti separa materialmente dal prodotto e dall’esperienza di acquisto comunemente intesa.

Logicamente questa cosa presenta anche vantaggi notevoli, come quello di poter fare acquisti a qualunque ora e da qualunque luogo. È sufficiente uno smartphone.

Ad ogni modo il punto ora è questo: possono i video per prodotti ecommerce ricoprire il ruolo che un tempo avevano i prodotti fisici in negozio o in vetrina.

La risposta è… SI!

Ma con alcuni accorgimenti. Vediamo quali.

 

3 caratteristiche di un buon video per prodotti

Ci sono alcuni elementi “chiave”, alcuni fattori imprescindibili:

Primo fra tutti, la semplicità. Non importa quanto sia complesso il prodotto, è la maniera di presentarlo che conta e questa deve essere il più semplice possibile. Ricorsa: sceneggiatura semplice = messaggio diretto e incisivo.

Il secondo aspetto da considerare è la lunghezza del video: l’attenzione dell’utente scema molto velocemente, per cui è fondamentale riuscire a catturare il suo interesse fin dai primi secondi del video e soprattutto non eccedere in lunghezza. Max 3 minuti è la regola.

Il contesto narrativo è il terzo elemento imprescindibile, strettamente collegato ai primi due. Il prodotto deve essere inserito all’interno di una storia, di una trama che lo esalti e lo renda protagonista agli occhi del potenziale acquirente.

Ma ora veniamo al sodo. Qui di seguito abbiamo selezionato per te alcuni ottimi esempi di video per prodotti che soddisfano in pieno queste 3 caratteristiche e che secondo noi andrebbero presi a modello come buone pratiche di videomaking per il marketing.

Buona visione!

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare