Vita da Freelance

Starbyter in evidenza: Lorella Calvi

Intervistiamo oggi Lorepa, alias Lorella Calvi, esperta grafica appassionata di comunicazione web. Grazie alla sua trentennale esperienza, Lorella ha già vinto ben 8 contest sui 232 progetti a cui ha partecipato. Scopriamo qualcosa di più di lei.

 

  • Come hai iniziato a lavorare nel web e graphic design e da quanto tempo lo fai? 

Ho iniziato a lavorare molto presto a 17 anni come grafica nell’azienda litocartotecnica di famiglia, acquisendo grandi capacità nella cartotecnica e nel packaging, oltre alle tecniche di stampa litografica. Nel 1991 il mio primo Mac II ci, con tutti i software dedicati alla grafica. Praticamente quasi 30 anni sui Mac!  Fino al 2001 con la mia agenzia Mira advertising a Milano, si iniziava ad aprire la finestra del web. Poi ho deciso di diventare freelance. A lavorare sul web ho iniziato da quando si é presentata la possibilità, se non ricordo male dal 2012. Praticamente in smartworking già 8 anni fa, oggi attualissimo e più condiviso dall’utenza che mi permette di lavorare ottimizzando i tempi e di poter presentare i lavori più facilmente ai clienti a distanza.

  • Lavori in team o da solo? 

Come libera professionista coltivo e seguo le opportunità che mi si presentano, sviluppando le mie idee sia sola che in team, preferendo di gran lunga la seconda opportunità perché la condivisione delle idee rende il lavoro più completo e interessante, potendo ascoltare il punto di vista critico e costruttivo del team, ottenendo così i lavori migliori.

  • Quali sono i tuoi punti forti? 

La curiosità sicuramente che va a braccetto con l’esperienza, mi aiuta ogni giorno a guardare oltre i miei orizzonti. Ma anche la capacità di stare in un gruppo di lavoro con la voglia e la passione di realizzare una comunicazione o un logo che facciano centro.

  • Descrivici una tua tipica giornata di lavoro. 

La mia tipica giornata di lavoro è atipica, perché la mia immaginazione è in azione 24 ore su 24. Diventa tipica quando lancio il software che mi aiuta a mettere “nero su bianco” l’immagine che ho in mente, senza scordare anche la matita, in orari “d’ufficio”. Così inizio dal mattino telefonate, accordi, appuntamenti, riunioni, fino alla presentazione del progetto tanto atteso dal cliente. Sempre e comunque seguendo un ordine preciso delle mie azioni durante la giornata.

  • Dove prendi ispirazione per i tuoi progetti? 

Da tutto ciò che mi circonda, apparente o subliminale, in rete o sulla carta stampata, in tv e alla radio, dalla musica, dalla gente. Viviamo in un mondo di stimoli, di immagini. Mi piace entrare nelle grandi librerie e lì mi perdo, come una bambina al parco divertimenti, tutto ciò che è immagine e colore è pura gioia per la mia mente.

  • Ci puoi far vedere i tuoi migliori progetti e le tecnologie utilizzate 

Certamente. Ammetto di essere un pochino disordinata nella presentazione dei miei lavori, ne ho realizzati diversi in questi anni. Mi viene comunque incontro la tecnologia. Tra i migliori vi invito a vederli al mio portfolio Starbytes, anche su Miradv  o Instagram come lclrdesigner

  • Perché, secondo te, per un’azienda è fondamentale avere una bella immagine coordinata? 

Perché comunica! Una bella immagine parla per prima, esprime il valore che l’azienda vuole comunicare. È il biglietto da visita, il primo passo in avanti importante verso il potenziale cliente. Più l’immagine è curata, che si tratti del logo, di advertising o del packaging, più si ha la percezione della cura del prodotto/servizio che l’azienda vuole che arrivi.

  • Come hai conosciuto Starbytes e perché hai iniziato ad usarlo? 

Poco prima che diventasse Starbytes, navigando in rete ho conosciuto la prima piattaforma come IamaSource e incuriosita ho pubblicato delle prime caute proposte. Poi, vedendo l’apprezzamento della committenza mi sono appassionata. La soddisfazione e la considerazione piena è arrivata con il primo successo. Compatibilmente con il tempo che dedico alla piattaforma Starbytes ho il riscontro dell’apprezzamento. È un metodo di lavoro che ti permette il confronto, a volte spietato e immediato, con un ventaglio di ottimi professionisti, ottimo allenamento grafico e di conseguenza come una vera “gara” chi vince, per il cliente, è il migliore nel contest in atto.

  • Quali sono i benefici che ne hai avuto? 

Ho adattato un mio sistema di lavoro per i contest Starbytes, beneficiando della velocità del pensiero creativo ed esecutivo, senza tralasciare l’attenzione al dettaglio, oltre al modo di presentare le proposte ottenendo l’immediato riscontro del cliente. 
E non per ultimo il beneficio di un sistema di pagamento sicuro garantito da Starbytes a fronte della vincita, un beneficio di valore!

  • Alla luce dei tuoi successi sul sito, cosa consigli ai tuoi colleghi su Starbytes per riuscire a migliorarsi? 

Sicuramente di non scoraggiarsi se non si interpreta subito il gusto della committenza, generalmente a ogni contest i colleghi sono tanti e bravi. Per migliorarsi una regola è basilare: resistere e non copiare!! Non sottovalutare l’attenzione necessaria alla buona riuscita del lavoro. Si possono prendere degli spunti, la rete è ricchissima di grafiche che potrebbero essere la soluzione, ma per propria onestà intellettuale sarebbe meglio esprimere la propria creatività, la propria firma. Può anche capitare di realizzare una proposta simile a qualche altra già presente in rete su varie bacheche o banche immagini, ma la soddisfazione e la professionalità di realizzare in originale un progetto, cambiano decisamente il senso della partecipazione ai contest.

 

Ringraziamo Lorella per la sua disponibilità mostrando i suoi lavori. 

 

Starbyter in evidenza: Lorella Calvi

 

Starbyter in evidenza: Lorella Calvi

 

Starbyter in evidenza: Lorella Calvi

Ti potrebbero interessare