Creazione Video

Come scegliere la videocamera per iniziare a fare video

scegliere la videocamera

Qualche mese fa vi abbiamo indicato quelle che a nostro avviso sono le migliori videocamere per youtuber.

Tuttavia ci rendiamo conto che chi è all’inizio della propria carriera potrebbe trovarsi in difficoltà nello scegliere un modello professionale di alta fascia.

È possibile partire con molto, molto meno. In questo video dunque ci proponiamo di aiutarvi a scegliere la videocamera giusta (per voi) con cui potete iniziare a fare video.

Faremo una panoramica generale sulle possibilità offerte dal mercato, andando a evidenziare vantaggi e svantaggi per ogni tipologia di fotocamera.

Sei pronto? Ok, inziamo!

Per prima cosa guardati intorno, rifletti e chiediti: cosa ho a disposizione in casa o magari un amico o un parente con cui possono iniziare a fare video?

Magari un vecchio smartphone o quello che usi tutti i giorni, una vecchia compatta, una action di qualche anno fa… Parti in piccolo, da ciò che possiedi.

 

Scegliere la videocamera: 5 possibilità per iniziare

Smartphone

Quasi sicuramente hai uno smartphone e già questo può essere un buon punto di partenza. Qualsiasi smartphone con meno di 4/5 anni può essere utilizzato per fare riprese di discreta qualità. Perché non sfruttare questa possibilità allora?

Vantaggi: è facile da portare, è economico, dispone di due camere (fronte e retro),

Svantaggi: si scarica velocemente (portati una power bank), ha una memoria limitata e non sempre espandibile, ha un sensore piuttosto piccolo e quindi non è adatte a riprese poco illuminate, non permette di utilizzare microfoni esterni.

Si possono tuttavia scaricare app per registrare video che danno la possibilità di aumentare le prestazioni della fotocamera del telefono, come ad esempio Filmic Pro.

 

scegliere la videocamera 2Compact

Le camere compatte erano molto in voga fino a qualche anno fa, poi con l’avvento degli smartphone sono un po’ passate di moda.

Vantaggi: oggi sul mercato si possono trovare compatte ad alte prestazioni che assomigliano nella struttura alle vecchie compact ma sono dotate di una tecnologia che si avvicina a quella dei modelli più avanzati e costosi. Alcune di queste permettono di registrare in 4k e sono dotate di schermo reclinabile.

Svantaggi: molte hanno un sensore piccolo per cui non riescono a supportare adeguatamente le luci basse; inoltre come per gli smartphone non tutte permettono di utilizzare un microfono esterno.

 

Camcoder

Le camcoder o handycam sono camere studiate appositamente per registrare video, non fanno altro. Non sono dunque come gli smartphone, né tantomeno come le relflex o le mirrorless che hanno tante funzioni.

Vantaggi: sono piccole ma permettono di inserire schede di registrazione anche molto grandi, hanno un effetto zoom incredibile, ottenuto in modo analogico con le lenti integrate e non digitalmente. Sono dotate di un’ottima stabilizzazione. Hanno un sensore più grande degli smartphone e delle compact che garantisce una buona resa anche con le basse luci. Hanno schermo reclinabile, caratteristica importante soprattutto per chi fa contenuti video per il web.

Svantaggi: non fanno altro al di là della ripresa video e hanno uno “stile” riconoscibile che può rappresentare anche un punto di forza.

 

Action cam

Le action cam (come GoPro) sono contraddistinta da una focale molto corta e grandangolo.

Vantaggi: sono specifiche per essere utilizzate in determinate situazioni ma questo non si significa che non possano essere usate in maniera creativa per fare video storytelling.

Svantaggi: non possiamo utilizzarle per inquadrature strette o per dettagli, soffrono le basse luci, e non tutte permettono di collegare un microfono esterno.

 

Reflex

Infine le reflex e le mirrorless.

Vantaggi: alta qualità della ripresa grazie alla fattura dei sensori e dei processori di elaborazione interni che sono studiati appositamente per riprese di alta qualità; possibilità di applicare obiettivi diversi a seconda delle esigenze. Quasi in tutte è presente un input per collegare microfoni esterni.

Svantaggi: hanno bisogno di diversi accessori (ottiche, microfoni, cavalletto, ecc.) e quindi non sono facili da trasportare.

In conclusione, come scegliere la videocamera per iniziare a fare video? Semplicemente iniziando da ciò che hai già. Perché l’importante è inziare, non importa lo strumento o la qualità tecnica ma il giusto approccio al videomaking.

Per iniziare, meglio fatto che perfetto.

Ti potrebbero interessare