Guide Clienti

Realizzazione siti web: CMS a confronto

realizzazione siti web

Quando si deve affrontare la realizzazione di siti web si parte sempre da una analisi delle esigenze e delle funzionalità del sito, e quando si affronta il tema con il team di sviluppo è facile che vengano nominati “WordPress” o “Joomla” due tra i più popolari CMS (Content Management System) di realizzazione siti web.

Non vogliamo assolutamente entrare nella diatriba “è meglio WordPress o Joomla” in quanto è bastato molto poco per dare il via ad alcuni “accesi confronti” durante alcuni job su Starbytes. Semplicemente cerchiamo di dare alcune informazioni essenziali a beneficio di chi vuole realizzare un sito web affidandosi ai job di Starbytes e gli può quindi capitare di sentir parlare di CMS senza sapere esattamente di cosa siano.

Realizzazione siti web: i CMS questi sconosciuti

Quando si sente parlare di CMS, al di là dell’acronimo, si deve pensare a dei sistemi la cui finalità è quella di rendere la gestione dei contenuti alla portata di diversi utenti non necessariamente “tecnici”.

Un’altra motivazione per cui può essere utile affidarsi ad un CMS nella fase di realizzazione siti web è quello di poter essere autonomi in futuro. Ovviamente il sito è di proprietà del cliente ma ci possono essere diverse necessità per cui, dopo aver affidato lo sviluppo ad un team esterno, si dicide di voler operare autonomamente sul sito (magari con una nuova risorsa interna ad esempio). Aver utilizzato un CMS agevola il passaggio e la gestione del sito.

Realizzazione siti web: i CMS più “popolari” WordPress e Joomla

Ora partiamo da WordPress: accostato inizialmente alla gestione dei blog negli anni WordPress si è evoluto con specifiche e funzionalità tali da renderlo più che adatto anche allo realizzazione siti web. La community sempre molto attiva mette a disposizione plugin (componenti aggiuntivi) adatti a diverse esigenza. Il pannello di amministrazione attraverso il quale è possibile gestire le diverse sezioni del sito consente di creare pagine statiche, inserire annunci e post, gestire i privilegi dei diversi utenti. Sono i “componenti aggiuntivi” (plugin) che fanno si che i siti realizzati con WordPress siano adatti per le più diverse esigenze d’uso arrivando anche ad essere utilizzato per funzionalità legate al commercio elettronico.

Joomla può contare su una ricca comunità italiana sempre pronta a rilasciare nuove versioni. Le procedure di installazione e messa a punto risultano abbastanza immediate. Il pannello di amministrazione consente con chiarezza di gestire articoli, categorie, media, menù, utenti, moduli, estensioni, template, configurazioni e aggiornamenti. Ovviamente anche Joomla è disponibile gratuitamente (anche per finalità commerciali) e, come WordPress, può essere preso in considerazione per qualsiasi tipo di progetto.

Avendo provato entrambi (e letto pareri contrastanti) e la cosa migliore che si possa consigliare ad un cliente che parte da zero è quella di far capire al team di svilippo esattamente l’esigenza e le finalità del proprio sito internet spiegando quali aree del sito si vuole modificare in autonomia (es. news, foto, listino prezzi…) non avendo paura di “palesare” il proprio livello tecnico che può essere anche pari a zero visto che i CMS hanno delle funzionalità che permettono di editare i contenuti in modo semplice e intuitivo anche per gli utenti meno esperti.

Spiegando chiariamente i risultati attesi allo sviluppatore, per quanto “fan” di WordPress o Joomla, sarà in grado di quantificare il lavoro al meglio e capire quale lavorazioni e quale funzionalità aggiuntive andranno implementate, in modo da formulare un preventivo preciso.

Ci sarebbe poi la parte di SEO (ovvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca) da considerare fin dalle prime fasi di realizzaizone siti web, ma ne parleremo in un altro post.

realizzazione siti web

Ti potrebbero interessare