Sviluppo Web

Proteggere il tuo sito WordPress dalle minacce del web

proteggere sito wordpress

In passato abbiamo già avuto modo di affrontare il tema della sicurezza per quel che concerne in particolare i siti WordPress.

WordPress infatti, se da un lato è un tool davvero potente e flessibile, dall’altro pecca in termini di sicurezza e affidabilità.

Per proteggere il tuo sito WordPress, pertanto, occorre mettere in campo una serie di azioni che consentono di rendere la piattaforma più sicura mettendola al riparo dai malintenzionati.

Alcune azioni sono estremamente semplici da mettere in pratica, mentre altre richiedono conoscenze più avanzate o prevedono costi di manutenzione aggiuntivi.

7 azioni che puoi eseguire subito per proteggere il tuo sito WordPress

 

proteggere sito wordpress

 

Aggiornare i plugin WordPress – Questa è senza dubbio una delle azioni più semplici che puoi eseguire per proteggere il tuo sito wordpress. I plugin sono porte di accesso estremamente deboli e fragili alla tua piattaforma CMS, preda frequente di hacker e cattivi smanettoni. Gli aggiornamenti servono proprio per proteggerli e metterli in sicurezza.

Utilizza solo plugin affidabili – Fai attenzione ai plugin che utilizzi, assicurati di utilizzare i migliori anche in base alle recensioni degli altri utenti e soprattutto verifica con frequenza vengono rilasciati gli aggiornamenti. Se gli update vengono rilasciati sporadicamente e senza una regolare cadenza il rischio è proprio quello di aprire le porte ai malintenzionati.

Cancella i plugin che non utilizzi – Se hai disattivato alcuni plugin, non tenerli lì, cancellali! Il rischio infatti è quello di tralasciare eventuali aggiornamenti che potrebbero metterli in sicurezza. La tendenza comune, ma appunto sbagliata, è quella di non aggiornare i plugin inutilizzati. Tanto vale disinstallarli!

Metti in sicurezza il database – Il database SQL utilizzato nei siti WordPress è un altro elemento debole, spesso vittima di attacchi e intrusioni esterne. Per fortuna, però, anche in questo caso hai la possibilità di intevenire e proteggere il database mettendo in sicurezza il file wp-config.php (link che c’è nell’articolo), il “cuore “del tuo sito e soprattutto cambiando i classici prefissi “wp-” delle tabelle.

Autenticazione a doppio step – Puoi adottare un metodo di autenticazione a due step per entrare nel back-end di WordPress che preveda non solo username e password ma anche l’invio di un codice usa e getta via sms.

Acquista un servizio di Virtual Private Network – La tecnologia VPN ti permette di creare una connessione criptata inacessibile dall’esterno. Per saperne di più su questo tipo di operazione ti consigliamo di rivolgerti a sistemisti e sviluppatori esperti.

Hosting dedicato – Gli hosting condivisi sono più facili da attaccare dall’esterno perché le porte di accesso al serve sono molteplici. Un spazio hosting completamente dedicato, invece, può essere protetto con più facilità attraverso azioni mirate.

Come vedi, dunque, per proteggere il tuo sito WordPress di base non è necessario installare plugin. Eseguendo alcune di queste azioni (ancora meglio, tutte) puoi mettere il tuo sito al riparo da intrusioni indesiderate e da qualsiasi minaccia informatica.

Ti potrebbero interessare