Vita da Freelance

Loghi simili, proposte simili: come segnalarlo

loghi simili

Scriviamo questo post dedicato ai creativi che partecipano ai contest e che ci segnalano loghi simili o comunque proposte grafiche simili ad altre già esistenti. Ringraziamo tutti per il contributo prezioso e vorremmo fornire alcune linee guida per agevolare questo delicato aspetto delle segnalazini.

Vogliamo subito stemperare gli animi linkando questo vecchio post in cui citiamo il sito joelapompe e tutti i suoi “plagi documentati” per mostrare come l’ispirazione (?) riguarda un pò tutti i settori.

Sicuramente la maggior parte delle segnalazioni che riceviamo su Starbytes riguardano i logo contest e con alcuni designer della nostra community abbiamo condiviso intense mail per trovare LA soluzione al problema dei plagi (più o meno volontari). Recentemente sono state introdotte le segnalazioni per materiale non richiesto e si sono inasprite le “sanzioni” per l’uso di materiale stock o comunque coperto da diritti. Iniziamo questo post con il ricordare come vengono gestite le segnalazioni di abuso.

Loghi simili, proposte simili: come segnalare un abuso

In caso ci si accorga di proposte molto simili ad altre (e su questi criteri ci torneremo dopo) è possibile segnalare un abuso entrando nella gallery del creativo e cliccando sul pulsante “segnala“. Questo è l’unico metodo che ci permette di gestire correttamente la segnalazioni come previsto e di tenerne traccia. Evitare quindi di inserire commenti in bacheca, scrivere al cliente nella gallery del creativo o inviarci mail generiche.

Le segnalazioni sono suddivise per categorie e permettono di mantenere l’anonimato verso il cliente nel momento in cui viene notificata la segnalazione. Ogni segnalazione deve essere accompagnata da una accurata descrizione contenente gli elementi simili a quelli di altre proposte oppure, nel caso di utilizzo di materiale non inedito, il link esatto in cui visionare la proposta “originale”.

Loghi simili, proposte simili: quali segnalazioni vengono accolte

Tutte le segnalazioni fatte nel modo corretto e contenenti una descrizione vengono valutate singolarmente. Nel caso di somiglianze con altre proposte già presentate nel contest si valutano le singole richieste del cliente, il brief, lo storico delle proposte e delle modifiche. Questi criteri (ad eccezione delle singole richieste del cliente non visibili ai partecipanti) sono gli stessi che gli utenti devono considerare prima di segnalare un abuso per proposte simili. Nel caso di icone stock invece non bastano lievi somiglianze ma occorre la sovrapponibilità dei tratti, degli elementi o evidenti somiglianze con loghi già esistenti (es. layout, icona, concept…).

Per quanto riguarda loghi simili ad altri il cliente che sceglie ha tutto il tempo di fare ricerche di anteriorità e, nel caso della registrazione del marchio, ci saranno anche dei legali che possono avvalorare e confermare la scelta fatta (oppure segnalare l’eventuale plagio di cui sarà responsabile il vincitore). Per questo suggeriamo a tutti di “giocare pulito”.

Sempre nel caso dei loghi l’uso di stock images, loghi, icone o immagini già esistenti, anche se leggermente modificati o gratuiti, non sono permessi all’interno di Starbytes visto che la finalità del contest è la “cessione dei diritti dell’opera al cliente”. Per questo tutte le proposte, segnalate prima della scelta del cliente, per l’utilizzo di icone stock vengono subito rimosse: si evitano problemi a tutti. Per maggiori informazioni a riguardo c’è il solito post condiviso molte volte con la community.

Solitamente non mettiamo in dubbio la buona fede dei partecipanti e questo è il motivo per cui, salvo rari casi, prendiamo provvedimenti più forti dopo un primo ammonimento procedendo con la sospensione dell’account alla terza segnalazione verificata.

Loghi simili, proposte simili: che percorso fanno le “segnalazioni”

Come detto si valutano sempre singolarmente le segnalazioni.
Nel caso in cui la segnalazione sia valutata idonea (ovvero con più elementi simili, visto che molte segnalazioni sono davvero “infondate”) viene girata al creativo in forma anonima chiedendogli di procedere con il ritiro della proposta (nel caso di icone stock sovrapponibili si procede subito alla rimozione). Nel caso di mere somiglianze, la segnalazione verificata viene inviata al cliente palesando le linee guida e chiedendogli di effettuare un confronto. Ovviamente dovrà privilegiare chi ha caricato prima la proposta (questo è anche quanto riportato nelle FAQ).

In molti casi i creativi stessi ritirano le proposte scusandosi per la somiglianza, in altri casi è il cliente che, dopo i dovuti confronti, elimina o non considera le “seconde proposte” accorgendosi della somiglianza. In altri casi ancora il cliente (a cui spetta la decisione finale essendo responsabile delle proprie scelte, al pari del creativo che le carica) può decidere che la somiglianza non sia tale. In fondo tutti stanno lavorando seguendo lo stesso brief e le stesse linee guida e non c’è da stupirsi se anche nei contest “a porte chiuse” ci siano delle proposte molto simili tra loro.

Il nostro intervento con la rimozione delle proposte o la sospensione dell’account è circoscritto a situazioni di abusi molti evidenti o ripetuti, dove viene difficile credere nella buona fede dei partecipanti.

Loghi simili, proposte simili: quali segnalazioni non vengono accolte

Chiudiamo il post con alcuni esempi di segnalazioni che non vengono accolte per ovvi motivi.

La segnalazione deve essere accompagnata da una descrizione in cui occorre elencare i diversi elementi simili tra le proposte e motivare l’abuso. Es. la proposta #10 presenta lo stesso concept, lo stesso stile, la stessa icona della propost #5 caricata in precedenza nello stesso contest da un altro partecipante. Questa è una segnalazione che sicuramente sarà presa in carico e gestita come previsto.
Infatti, salvo rari ed evidenti casi non basta dire “proposta copiata”: bisogna aggiungere la descrizione valutando le singole somiglianze anche in base alle richieste fatte nel brief (es. se il cliente chiede dei fiori nel brief, non potranno essere segnalate proposte solo perchè presentano dei fiori).

I primi casi in cui le segnalazioni non vengono accolte riguardano le segnalazioni generiche dovute anche alla “categoria merceologica”. Come detto non basta usare un’icona di una “casa” in un contest di una agenzia immobiliare per venire segnalati come plagio di Tecnocasa: gli elementi devono essere molteplici.
Non vengono accolte segnalazioni generiche riguardanti esplicite richieste del cliente (“usate i colori blu e la forma di una stella”). Difficile segnalare proposte simili per l’uso della stella no?

Un secondo caso riguarda le descrizioni mancanti o incomplete. Non vengono prese in considerazione le segnalazioni senza descrizione, segnalazioni con descrizioni generiche o quelle che non riportano la proposta “originale”.
Esempi di descrizioni di segnalazioni che non possono essere accolte perchè troppo generiche e incomplete:
– proposta già esistente
– logo presente su internet
– assomiglia alla mia
– simile ad una mia proposta
– copia
– elemento simile

– questo template l’ho creato io anni fa
– vedi proposta #10
– proposta copiata!
Immaginate sempre che la segnalazione debba essere inviata al cliente: affinchè venga presa sul serio è meglio motivarla correttamente piuttosto che dire “copia”.

Un terzo caso riguardante le icone stock è la mera (vaga?) somiglianza ma la “non sovrapponibilità di alcun elemento”. Senza entrare nel dettaglio è abbastanza facile capire se il lavoro è “farina del proprio sacco” o se nasce da un’icona stock. Come detto non basta modificare qualche tratto per fare un lavoro “inedito” ma non è sufficiente che esista già un’icona vagamente simile per segnalare l’abuso: se così fosse uno non potrebbe più usare in un logo elementi comuni come una goccia, un petalo, un cuore, un triangolo ecc… ma non è così.

Attenzione poi agli “autogol“, ovvero a non valutare correttamente l’ordine delle proposte. Ci è capitato di ricevere delle segnalazioni tipo “la #10 è uguale alla mia #5” per poi vedere che l’autore della #10 aveva caricato precedentemente la #1 con lo stesso layout e concept. Caso non così raro come può sembrare.

Molte di queste informazioni sono presenti nella sezione FAQ altre in questi due utili post:
Utilizzo di stock images e file vettoriali esistenti nei logo contest
Linee guida per ovviare all’ovvio

loghi simili

Ti potrebbero interessare