Web Marketing

Come creare campagne di facebook advertising di successo

facebook advertising

Peché fare Facebook advertising? A quale scopo?

Come ogni tecnica di marketing anche la pubblicità online non è altro che un modo per amplificare il messaggio che si vuole trasmettere.

Tale messaggio può essere finalizzato all’acquisizione di contatti (lead generation), ad incrementare la brand authority o a alla vendita diretta.

Grazie alle Facebook Ads è possibile fare local marketing, ma anche promuovere brand su scala planetaria.

Insomma non ci sono limiti a ciò che puoi fare.

 

4 pilastri per fare Facebook advertising con profitto

Il punto è un altro: come creare campagne di facebook advertising di successo?

In questo articolo cercheremo di riassumere alcuni concetti fondamentali che ti aiuteranno a impostare le tue campagne al meglio indipendentemente dall’obiettivo che ti sarai prefissato.

 

Pilastro n°1

facebook advertisingPer prima cosa tieni presente una cosa: la realizzazione con campagne con obiettivi differenti non implica che tu debba implementarle in momenti distinti

Anzi, una strategia efficace consiste nel fare “girare” più campagne con obiettivi differenti nello stesso momento.

Ad esempio, campagne interazione o campagne video possono (dovrebbero?) essere attivate insieme a campagne di retargeting con obiettivo traffico o conversione.

Questo ti permette di aumentare il livello di attenzione degli utenti e condurlo all’interno del tuo funnel. Per far ciò può essere efficace anche programmare l’esecuzione delle campagne nelle fasce orarie in cui ritieni che il tuo pubblico possa essere online.

 

Pilastro n°2

Un altro aspetto fondamentale a cui devi prestare molta attenzione sono le creatività, ovvero le immagini o comunque la parte visuale delle tue ads.

Considera che oggiorno la maggior parte degli utenti utilizza Facebook e Instagram (ovviamente) esclusivamente via mobile e che lo scrolling del feed è un gesto che richiede pochissimo sforzo e che viene eseguito in una frazione di secondo.

In quella frazione di secondo la tua pubblicità deve catturare lo sguardo suscitando nell’utente interesse istantaneo.

Non è facile realizzare visual di questo tipo e non esiste un metodo valido sempre. La cosa che ti consigliamo di fare è quella di testare più Ads possibili all’interno delle tue campagne in modo da individuare quella più efficace e poi quindi provare a scalare.

Pilastro n°3

Quando fai Facebook Advertising è importante comprendere in che punto esatto del funnel si trova ogni singolo utente.

Il funnel viene generalmente suddiviso in 3 parti: la parte inferiore BOFU è quella in cui gli utenti hanno già deciso di acquistare e sono proponsi alla conversione; quella intermedia MOFU, in cui gli utenti hanno preso consapevolezza del loro problema/esigenza; e infine quella superiore, detta TOFU, in cui le persone non hanno la percezione del problema, né tantomeno della soluzione che proponi per risolverlo.

La fase TOFU quindi è quella in cui devi agire con campagne di awareness e interazione, quella MOFU quella in cui potresti attirare gli utenti con un contenuto gratuito e ottenere quindi il loro contatto e infine nella BOFU promuovere la tua offerta magari con un piccolo sconto come incentivo.

La fasi si susseguono a brevissima distanza l’una dall’altra con campagne mirate.

 

Pilastro n°4

Ricorda questo inoltre: l’analisi del pubblico, della tua target audience è fondamentale.

Lo è non tanto perché attraverso il Facebook advertising puoi creare in maniera dettagliata il target a cui far vedere le tue ads, quand per l’angolo psicologico che dovrai dare alle tue ads.

L’algoritmo di Facebook infatti è un’intelligenza artificiale sempre più avanzata e come tale impara dall’esperienza ovvero dalle ads che tu decidi di dargli in pasto.

Questo significa che il più delle volte non avrai bisogno, soprattutto in fase TOFU, di segmentare il tuo pubblico per interessi perché, se avrai creato un copy e una creatività con il giusto angolo, sarà l’algoritmo stesso a proporre le tue ads agli utenti potenzialmente più interessati.

Una volta catturati gli utenti giusti potrai affinare il tutto creando pubblici simili attraverso la funzione lookalike.

Quelli che ti abbiamo appena elencato sono i quattro pilastri concettuali su cui costruire campagne di Facebook marketing efficaci. Mettili subito alla prova!

Ti potrebbero interessare