Vita da Freelance

Contratto freelance: compenso orario vs compenso a prestazione

contratto freelance

Quando si può davvero parlare di contratto freelance?

Con questa espressione intendiamo l’accordo per un compenso a prestazione tra un libero professinista e il suo cliente.

Nel campo del web design questo capita meno spesso di quanto si creda e di quanto dovrebbe.

Molti professionisti del settore infatti preferiscono farsi pagare a ore come un qualunque dipendente invece di richiedere un compenso per il valore complessivo del proprio lavoro.

Cerchiamo di capire insieme perchè il secondo metodo è da preferire rispetto al primo, nella speranza che ciò possa esservi di aiuto.

Tutti gli svantaggi del compenso a ore

contratto freelanceFarsi pagare a ora invece che in base un contratto freelance comporta diversi svantaggi.

Ad esempio non è inusuale che al termine del lavoro il cliente vi possa chiedere conto di presunte perdite di tempo, pretendendo uno sconto sul prezzo finale.

Oppure è possibile che vi chieda di indicargli in anticipo il numero di ore per la realizzazione del progetto basando la scelta di affidarsi a voi solo su questo fattore.

Il conteggio orario inoltre non tiene conto della necessità di aggiornare le tecnologie e gli strumenti utili a garantire un risultato finale di alto livello.

È evidente dunque che il compenso orario può creare problemi di non poco conto nella relazione con il cliente mettendo anche a repentaglio future commesse.

Dopotutto non siete dipendenti con stipendio fisso, per cui dovete fare i conti con un approccio totalmente differente in cui al il valore del vostro lavoro nel suo complesso che deve essere remunerato.

Contratto freelance e il concetto di valore

Portiamo un esempio concreto per capire meglio il concetto di valore e quindi l’opportunità di avvalersi di un contratto freelance con i propri clienti.

Supponiamo che dobbiate realizzare un ecommerce per la vendita online di prodotti cosmetici.

Il progetto è in realtà molto semplice e non prevede grandi criticità, per cui prevedete che siano sufficienti 60 ore effettive di lavoro per realizzarlo.

Se optate per un compenso orario è evidente che il prezzo finale rispecchierà solamente la fase operativa del vostro lavoro.

Ma il ritorno economico che il vostro cliente potrà ottenere grazie a questo lavoro supera di gran lunga la semplice tariffa oraria, non credete?

Il valore di un ecommerce pertanto è nettamente superiore rispetto alla sua semplice realizzazione ed è giusto che se ne tenga conto in fase di preventivo.

Vi consigliamo quindi di tenerlo bene a mente anche per quel che riguarda la definizione dei progetti da realizzare sulla piattaforma Starbytes.

Ti potrebbero interessare