Sviluppo App

Come fare profitto con una EdTech app?

EdTech app

Abbiamo sempre detto e sostenuto che la formazione continua rappresenta oggigiorno un requisito fondamentale per avere successo nel mondo del lavoro.

La flessibilità richiede apprendimento costante per potersi adattare più facilmente ai cambiamenti che il mercato propone e di fatto impone.

Non è un caso che negli ultimi anni abbiamo assistito a un’autentica esplosione di EdTech app e piattaforme che propongono corsi e contenuti per la formazione professionale continua.

Ne esistono di varie tipologie e ognuno segue un modello di business differente. Fare profitti in questo settore infatti non è semplice se si considera la grande concorrenza presente nel mercato dell’e-learning.

Freemium

Un modello che sembra funzionare per molte realtà del settore è quello conosciuto ai più con il termine Freemium.

In buona sostanza è prevista una versione di base dell’EdTech app che permette a tutti, insegnanti e studenti, di usufruire di servizi per l’insegnamento e l’apprendimento online.

Ovviamente la versione free prevede diverse limitazione, a seconda dei casi, rispetto alla versione premium.

L’idea che c’è dietro questa scelta è strategica: l’obiettivo è quello di permettere agli utenti di familiarizzare in modo gratuito con le funzionalità dell’app, di adattarsi ad essa, prendere confidenza con “l’ambiente” di apprendimento.

A quel punto difficilmente gli utenti riusciranno più a farne a meno e opteranno per nuove funzionalità aggiuntive a pagamento.

Tutor

Un altro modello in uso per le EdTech app è quello della piattaforma di tutoraggio on-demand.

In pratica, da un lato abbiamo gli insegnanti iscritti che offrono servizi di tutoraggio su determinati argomenti e materie; dall’altro invece abbiamo gli studenti che pagano la tariffa oraria decisa dal singolo insegnante per usufruire del servizio.

La piattaforma logicamente trattiene una fee per ogni transazione avvenuta con successo. Potremmo chiamarlo anche “modello Uber”.

Marketplace

Il terzo modello per EdTech app che vi proponiamo è il classico marketplace di corsi.

Come in un e-commerce l’utente acquista semplicemente il corso pre-registrato che ha deciso di seguire e la piattaforma trattiene una fee in base alla provenienza del lead.

Se l’utente è stato convertito grazie a una pubblicità promossa dal titolare del corso, questi trattiene una percentuale più alta sul pagamento.

Nel caso in cui l’utente invece arriva in maniera “organica” sulla piattaforma, allora quest’ultima si prenderà una fetta più grande.

Subscription

Infine possiamo annoverare anche il modello a subscription in stile Netflix. L’utente paga una cifra mensile, trimestrale o annuale e in quell’arco di tempo può usufruire di tutti i corsi presenti sulla piattaforma senza limitazioni particolari.

Si può quindi fare profitto con le EdTech app nel 2021? Sì, certamente. Occorre tuttavia saper scegliere il modello di business più adatto ai propri obiettivi.

 

Photo credit: Freepik

Ti potrebbero interessare