Vita da Freelance

Che cos’è un accordo NDA per sviluppatori web e software

accordo NDA

È del tutto normale che un developer freelance passi gran parte della giornata a sviluppare applicazioni web e software. Tuttavia chi lavora in proprio deve anche dedicare parte del proprio tempo alla ricerca di nuovi clienti. Un aspetto importante della vendita dei propri servizi di sviluppo è rappresentato dalla stipula degli accordi con il cliente finale. Oltre al “classico” contratto di servizio (da voi proposto), vi potrebbe anche capitare di dover sottoscrivere un accordo NDA, ovvero un patto di riservatezza o di non divulgazione. In questo articolo cerchiamo di spiegarvi di che cosa si tratta, in modo che possiate prendere una decisione consapevole.

Un accordo NDA è un tipo particolare di contratto in cui una parte contraente accetta di mantenere riservate alcune informazioni fornite dall’altra parte. L’accordo di riservatezza può in taluni casi essere reciproco, ovvero ciascuna delle due parti è tenuta alla non divulgazione delle informazioni apprese dall’altra. Caso tipico di patto NDA è appunto quello che il cliente (ad esempio un’azienda) sottopone a uno sviluppatore freelance obbligandolo a non discutere con altri al di fuori dei rappresentanti aziendali il progetto che è tenuto a realizzare.

Accordo NDA: i vantaggi per lo sviluppatore freelance

accordo NDAQuali sono per lo sviluppatore gli aspetti positivi derivanti dalla sottoscrizione di un accordo NDA. Sicuramente il cliente che ottiene la stipula del patto di non riservatezza si sentirà più a proprio agio nel condividere informazioni e dati che possono essere preziosi per lo sviluppo ottimale dell’applicazione web o del software. Questo è indubbiamente un grande vantaggio per lo sviluppatore, che avrà così a disposizione tutta la “conoscenza” necessaria per fare un bel lavoro, con reciproca soddisfazione tra le parti.

Come dicevamo, inoltre, che l’accordo NDA può essere anche proposto dallo sviluppatore al cliente. In quali casi? E soprattutto quali informazioni è necessario proteggere? Certamente alcuni dati sensibili come password di accesso e numeri di conto; informazioni sui compensi; specifici metodi di business; i dati di altri clienti non protetti da NDA ma che volete comunque tutelare. Inoltre le proprie idee di business utilizzate nello sviluppo del prodotto commissionato potrebbero essere fonte di spunto per altre applicazioni. In tutti questi casi un accordo NDA reciproco è quello che ci vuole per garantire anche la propria parte.

Ad ogni modo, qualora doveste trovarvi a decidere se sottoscrivere un accordo NDA, vi invitiamo a rivolgervi a un consulente legale che saprà indicarvi esattamente quali condizioni sono previste dall’eventuale stipula del contratto.

Ti potrebbero interessare