Guide Clienti

5 profili di lavoratore freelance con cui potrai aver a che fare

infografica lavoratore freelance

Le previsioni dei più quotati analisti economici ci dicono che entro il 2020 l’economia freelance costituirà il 43% di tutta la forza lavoro del pianeta. La quota di lavoratori autonomi, dunque, i avvicinerà sensibilmente a quella dei lavoratori dipendenti, dando una spinta decisiva a un trend diventato di fatto inarrestabile con l’avvento dell’economia digitale. Nei prossimi anni quindi sempre più spesso ci si rivolgerà a liberi professionisti per l’esecuzione di lavori legati nel settore web. In previsione di ciò abbiamo pensato di proporvi 5 possibili profili di lavoratore freelance che vi potrebbe capitare di incontrare.

Il lavoratore freelance spiegato con un’infografica

In terra d’Albione viene comunemente chiamato “Side Gigger” quel lavoratore freelance che concepisce la libera professione come uno strumento per arrotandare lo stipendio da dipendente. Egli dunque si “muove” solo se c’è un guadagno garantito.

I “sostituti” sono coloro invece che vedono nel freelancing solo un’occupazione temporanea in attesa di un nuovo lavoro da dipendente. Non sono dunque molto motivati e se la prendono comoda quando ci sono commesse in arrivo. Preferiscono inviare curriculum.

Lo “startupper” è invece il lavoratore freelance impegnato a costruire una propria personale idea di business perchè in futuro possa diventare una vera e propria azienda. È molto impegnato, ma è anche molto produttivo e quindi se prende a cuore una commessa di solito non rinuncia a dare il meglio di sé.

I “freelance di carriera” sono i veri liberi professionisti. Sono operativi al 100% e dedicano tutto il loro tempo a cercare clienti e a realizzare progetti. Non pensano ad altro. Si appoggiano di solito a una rete di collaboratori con i quali si scambiano volentieri le commesse. Il loro unico obiettivo è crescere come freelance.

I “passionali” sono coloro che amano la libera professione e amano quello che fanno. Accettano e realizzano solo quelle commesse per le quali hanno un reale interesse, non solo di tipo economico ma anche di soddisfazione personale. È proprio il lavoratore freelance che guadagna di più in relazione al tempo investito.

infografica lavoratore freelance

Ti potrebbero interessare