Vita da Freelance

5 cose da dire ai clienti prima di sviluppare un sito web

sviluppare un sito web

Siamo in fase di preventivo e ci viene richiesto di sviluppare un sito web, solitamente ci si trova a dover smarcare alcune incognite e derimere alcuni dubbi dei clienti (ne abbiamo parlato anche qui). In questa fase sia che si stia partecipando ad un job su Starbytes sia che si stia lavorando faccia a faccia con il cliente ci sono alcune regole auree che, a volte per la fretta, altre volte per l’inesperienza o ancora per la troppa sicurezza, tendono ad essere tralasciate e dimenticate.

Il che potrebbe non essere un problema se si lavora a consuntivo: “con queste nuove richieste aggiorniamo il prezzo arrivando così a euro…“. Ma siccome ormai è un’utopia lavorare a consuntivo, in fase di preventivo è fondamentale smarcare alcuni punti chiavi: su Starbytes tutti i job sono prepagati e garantiti quindi non c’è il rischio di insolvenza o di vedere sviluppatori scappare con l’acconto. Concentriamoci quindi su quali sono le 5 cose da dire ai clienti prima di sviluppare un sito web.

5 cose da dire ai clienti prima di sviluppare un sito web

Voglio definire con precisione le funzionalità
Certo, perchè non lo si fa sempre? In realtà non sempre. Si parte giustamente ad alto livello ma un consiglio spassionato è quello di sondare il terreno con il cliente con domande per capire se quello che vuole è un “form di contatto” o un CRM, se sta chiedendo uno slideshow in home page o una gallery stile Pinterest, se vuole poter caricare alcuni video o gli serve una struttura come Youtube… e così via. Ovviamente questo non deve essere fatto con l’intento di spaventare il cliente ma per far capire quali sono le aree di attenzione e tararsi sulle reali aspettative (a volte il cliente pretende più dalla parte gestionale di backend di quanto ci si possa aspettare, e questo lo si scopre “a cose fatte”).

sviluppare un sito web

Foto e testi devono essere forniti
Questo è un punto fondamentale che incide non poco sul preventivo. Può essere formulata anche come domanda (es. “Foto e testi da chi devono essere forniti?”) ma è molto importante capire e pesare la risposta in termini di ore di lavoro. Sicuramente è fondamentale suggerire al cliente una selezione di foto sopratutto per l’home page. Per un discorso di impatto visivo le foto devono essere di buona qualità (non amatoriali) e ad una buona risoluzione per il web. Sopratutto nell’home è importante mantenere standard elevati per dare un aspetto professionale al sito.
Se il cliente non dispone di foto ci si può offire di fare una ricerca (quotata in termini di numero di foto fornite) e di inserire questa voce nel preventivo.
Lo stesso discorso vale per i testi. Il cliente sa meglio di chiunque altro cosa produce, qual è la filosofia aziendale, dove sono le sedi… e questi testi devono essere forniti. Ciò non vuol dire che non possano essere supervisionati o rivisti in ottica SEO, magari avvalendosi della collaborazione di un copywriter. In fase di preventivo è opportuno concentrarsi sulle voci necessarie per sviluppare un sito web, ma non tralasciando le parti fondamentali che sono appunto i contenuti.

 sviluppare un sito web

Lo sviluppo è una cosa, il posizionamento è un’altra cosa
Siamo online ma nessuno mi contatta dal sito”: frase sentita milioni di volte, vero? Va a braccetto con “cerco ‘ristoranti’ su Google e il sito del mio ristorante non appare tra i risultati“. Sicuramente ci sono degli accorgimenti da tenere presenti in fase di sviluppo ma questi non si sostituiscono alle attività di indicizzazione. E, proprio in quest’ottica, diventa fondamentale ricordare ai clienti cosa vuol dire posizionamento sui motori di ricerca, a costo di essere un pò brutali (sinceri?) fin dall’inizio e prima di sviluppare un sito web. Ormai è fondamentale avere un sito internet anche solo per un discorso di credibilità (dopo il passaparola analogico, ci vuole un riscontro digitale no?) ma se un cliente fin dalle prime richieste palesa l’esigenza (legittima) di essere “trovato su internet” è importante fargli l’esempio del giornale. Hai fatto realizzare uno stupendo annuncio pubblicitario per una una campagna stampa, la creatività è efficace e il messaggio promozionale è ben visibile. Ora però bisogna contattare le testate e capire quanto costano gli spazi pubblicitari, oppure negoziare dei redazionali da far accompagnare al nuovo annuncio. In questa (facile) metafora l’annuncio cartaceo è il sito web mentre le altre attività sono quelle riconducibili al SEO, agli adwords, al link building e a tutto quello che si può fare affinchè i motori di ricerca si accorgano che il sito web esiste e lo propongano come risultato ai naviganti.

sviluppare un sito web

Queste sono le caratteristiche di dominio e hosting
A volte non si vuole entrare nel tecnico con certi clienti, quindi si preferisce non “annoiarli” con dettagli su dominio e hosting. Ma se non ci sono specifiche il cliente si può (giustamente) aspettare spazio illimitato, mail illimitate… e non tutti gli hosting offrono questo servizio. Un’altra criticità è rappresentata dal nome del dominio, se si tratta di un sito nuovo magari il cliente si aspetta che il dominio sia “consulenza.com” oppure “dentistamilano.it” e così via. Tutti domini già occupati che possono avere costi elevati (ne abbiamo parlato qui, mentre qui abbiamo fatto alcuni esempi di costi di domini). Meglio chiarire anche questi aspetti sottolineando che esistono dei costi fissi annuali che possono anche essere irrisori per i primi tempi, ma che sono inevitabilmente da considerare.

 sviluppare un sito web

Il periodo di garanzia
Il sito è online, finalmente. Ora il cliente può iniziare a “farsi trovare online”, aggiornare il sito grazie all’uso di CMS con un backend accessibile, e vivere il web da protagonista. Questa che può sembrare una bella chiusura per il post nasconde alcune insidie. Infatti, oltre alle possibili evolutive che saranno ovviamente quotate a parte, ci sono gli immancabili bug che fanno parte di tutti (si, proprio tutti) i siti web. La risoluzione dei bug deve essere sempre presa in considerazione in termini di tempo e di responsabilità. E’ infatti fondamentale dare assistenza al cliente nel periodo immediatamente successivo all’online e ricordare che si è disponibili a risolvere i bug (in quanto tali). Inoltre è utile definire un periodo di tempo entro cui dare assistenza all’interno dell’offerta e cosa quotare come assistenza extra per eventuali aggiornamenti delle funzionalità del sito o, più semplicemente, per regolamentare il supporto verso il cliente che non si vedrà abbandonato dopo il tanto sospirato online.

Abbiamo elencato 5 cose da dire ai clienti prima di sviluppare un sito web, ce ne sarebbero altre ma crediamo che queste possano rappresentare un valido spunto iniziale.

Buon lavoro

sviluppare un sito web

Ti potrebbero interessare